giovedì 22 settembre 2011

Come posso dire...

Come posso dire se la tua voce è bella.
So soltanto che mi penetra
e mi fa tremare come una foglia
e mi lacera e mi dirompe.

Cosa so della tua pelle e delle tue membra.
Mi scuote soltanto che sono tue,
così che per me non c'è sonno né riposo,
finché non saranno mie.

(Karin Maria Boye )






Karin Maria Boye è  una  poetessa, scrittrice e soprattutto, con le sue opere e con le sue scelte di vita,  una dei pionieri del modernismo svedese. Nata a Göteborg nel 1900, ha iniziato a scrivere da giovanissima, dimostrando da subito di avere una personalità poliedrica e complessa. E’ stata una ribelle alla politica e cultura tradizionale conservatrice,  una donna che ha vissuto tra amore e dolore, suicidandosi all’età di 40 anni con un’overdose di sonniferi.

Leggendo questa poesia si vibra come foglie attraversate da un vento sferzante, un vento che porta il suono di una voce, quella di chi si ama. 
Sono parole che afferrano, trascinano, scuotono, coinvolgono perché traboccano d'emozione, di desiderio e di passione... tutto fuorché la logica e la ragione delle argomentazioni o risposte sapienti, esatte ed obiettive.
L'emozione qui non solo la leggi e la senti, ma la vedi come nasce, come si muove e come si addentra in ogni angolo e lo scompiglia.  
Senti l'attesa che si nutre di desiderio e il desiderio che non si sazia mai.
Mai si placa, perché il desiderio non è fatto per dormire o riposarsi ma per alimentare se stesso e l'amore. E' il motore della vita, che muove, che porta oltre le stelle (desiderio = de- sirio dal latino "mancanza delle stelle"), è la nostalgia che agita e non compiange l'assenza, ma la brama e la cerca  e non per accontentare un bisogno quanto piuttosto per tenerlo sempre acceso.
In questa poesia il desiderio d'amore ha un solo senso che non è il possesso, bensì l'unione, unico traguardo, unica ragione!

La Boye ha sempre dato voce al desiderio, come con queste meravigliose parole...


Il giorno prima non è mai sazio. 
Il miglior giorno è un giorno di sete.




- Cosa pensi del significato profondo di questi ultimi versi? E' così anche per te?
- E quanto in te l'emozione influenza i tuoi processi razionali?



 

43 commenti:

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Parole forti.....Molte volte la paura di esternare i nostri sentimenti ci fa prigionieri e poi con il trascorrere del tempo ci assalgono momenti di infiniti perchè.....
Buon pomeriggio Rita e grazie per queste riflessioni

Joe Black ha detto...

Poesia vera e sentita dalla mano di colei ke l'ha scritta!
Giustissima la tua analisi su ciò che è il desiderio. Approvo.

Saziarsi e dissetarsi in una sola volta
ucciderebbe il piacere del nuovo appetito!


"Il giorno prima non è mai sazio.
Il miglior giorno è un giorno di sete.
Il giorno seguente è il digiuno dell'anima
se non provi più nè fame, nè sete
se credi che l'acqua ed il pane
abbiano sempre lo stesso sapore"!

Abbraccione Rita
Elisena

P.S.:Divento antipatica se ti dico bel post?

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Il desiderio e l’amore bisogna viverlo ogni giorno e non solo determinate volte. Anche un piccolo gesto può diventare qualcosa di grande; salutoni a presto.

zicin ha detto...

I versi proposti sono davvero emozionanti e tu li hai commentati in forma perfetta traendone spunti e riflessioni molto interessanti.
Il desiderio vive di aspettative... mi torna in mente il buon e caro Leopardi... un'attesa... un lasso di tempo... che intercorra tra l'aspettativa e la realizzazione... aumenta sicuramente il desiderio e lo tiene vivo.

PS ho difficoltà ad aprire il tuo blog... di sicuro sarà un problema del mio pc.

Un bacio ed un sorriso

Chiaretta ha detto...

Devo confessare che non conosco questa poetessa, ma i suoi versi mi sembrano molto potenti e significativi! Io sono una persona molto emotiva, quindi spesso e volentieri mi lascio trascinare dal cuore piuttosto che dalla ragione!

Luigi ha detto...

sono d'accordo con Zicin: è l'attesa che riempie il nostro tempo, poichè quasi sempre il bene desiderato non si rivela mai all'altezza delle aspettative!!!

Rita Baccaro ha detto...

ciao Simo... i perchè...il massimo della razionalità... a volte si vuol cercare di capire scelte che non hanno ragioni.

Elisena, Elisena.... ma come antipatica? Dopo aver composto anche dei versi bellissimi potresti aggiungere qualsiasi complimento standard e ti sarebbe concesso e perdonato!
Hai aggiunto un aspetto importante:
il desiderio non si sazia perchè non si abitua!!
... ed ogni giorno è un nuovo giorno con nuovi sapori!

Anche tu, Cavaliere, vedo che la pensi così: il desiderio e l'amore vanno vissuti e rinnovati ogni giorno e nella semplicità dei piccoli gesti che sono grandi attenzioni.

Gianna ha detto...

Cara Rita, il desiderio è l'essenza della vita. Quando subentra, non c'è razionalità che tenga...
Post molto riflessivo.

Rita Baccaro ha detto...

Grazie Zicin, per aver citato il caro e buon Leopardi per il quale l'attesa del piacere accresce il desiderio, anzi l'attesa è proprio il desiderio assoluto che porta la felicità. Ma per lui non esiste un piacere che possa esaudire questo desiderio infinito, da qui l'insoddisfazione e l'infelicità.
Forse anche tu, Luigi, sei così pessimista? pensi che il bene possa deludere le attese e che si sbaglia a massimizzare i desideri? Tutto è finito rispetto all'infinito desiderio?

Io penso che se sei sicuro dell'esistenza e della sussistenza di ciò che attendi, se sai quanto sia bello ed importante, immenso, ne senti la verità, esigenza, unicità ed essenzialità... ciò che desideri lo sai attendere anche a lungo. Questo tempo che si allunga potrebbe più che essere una felicità, diventare un tormento.
Ma se è la certezza che ti dà la speranza, allora la speranza è la certezza.
Sai che è un sogno ma sai anche che si realizzerà... anche se non subito.
Diceva D'Annunzio: "Ama il tuo sogno se pur ti tormenta" e così quando si crede, si ama, si spera, si può aspettare non si possono avere delusioni.

Rita Baccaro ha detto...

Ciao Chiaretta, lo sai che io non ho ancora capito se sono emotiva o razionale? e' che ci ragiono troppo sulle mie emozioni!!!
A posteriori!!! :-))))))

Commento che fa riflettere, Gianna!
Bellissimo!!! ti abbraccio

Costantino ha detto...

Un bellissimo commento di meravigliosi versi.
Un saluto,Costantino

Franz ha detto...

Ciao Rita,splendidi versi,io li interpreto come sete di vivere.....
Nemmeno io so ancora se sono un emotivo o un razionale:-))

Ciao,buona serata!

Carla, i colori...pensieri della mia mente. ha detto...

Penso che quando si conosce ciò che ci aspetta in tutte le sue aspettative, allora l'attesa diventa semplicemente verità.
Non sono più così emotivamente coinvolta in questi momenti per cui razionalmente dico che è meglio viverli, più che attenderli.
(ho vissuto molto nella emotività, seppellendola per ragioni di vita nella razionalità).Dolce notte Rita

Adriano Maini ha detto...

Non conoscevo questa poetessa che tu hai così egregiamente presentato, ma di sicuro i suoi sentimenti erano di rara intensità.

yusuf ha detto...

filmati di una bella poesia, ma le illustrazioni sono foto molto belle.

hehehe.....

jocker ha detto...

Queste parole esprimono passione e una voglia di "gustare" la vita.
Senza emozioni, le quali animano la nostra vita, "sopravviveremmo" senza vivere veramente e pienamente essa.

Baci

Luigi ha detto...

il problema credo sia nel fatto che il nostro cuore è stato creato per l'amore infinito e perciò finchè saremo su questa terra questa sete non potrà trovare mai pieno compimento!!!

Rosa ha detto...

ciao Rita grazie per la poesia molto passionale e per la recensione interessante, non conoscevo questa scrittrice, ma colpisce molto, perche' riesce a trasmetterci a parole emozioni vere comuni, quando l'amore arriva e' cosi', ci travolge, l'unico pensiero e' la persona amata, la voglia di vederla, la ragione non c'e' piu' si fanno cose che ci sorprendono, l'astinenza ci porta a desiderare ancor piu'la persona ed a enfatizzare l'evento, io sono molto emotiva quindi mi lascio trascinare dove mi porta il cuore, prendo le cose belle che arrivano senza pensare troppo al dopo, l'amore ci fa rinascere e' sempre una bella sensazione, al giorno d'oggi c'e' parecchia fame d'amore e poco amore, tanta solitudine, forse per questo siamo sempre affamate e pronte a saziarci:) ciao grazie del bel post buon week end baci rosa

Il calesse ha detto...

La passione dà più senso e più sapore alla vita.
Nel mio quotidiano tendo ad essere razionale, guardo la realtà in faccia.....cercando di far chiarezza tra le mie emozioni.......
Ciao Cara Rita
Luci@

Marianna ha detto...

Ciao Rita, eccomi qui a sbirciare nel tuo bellissimo blog.
un'idea geniale quella delle citazioni,non vedo l'ora di leggerne un po'.
smack

Guard. del Faro ha detto...

Ciao Rita, come al solito sei capace di proporre versi di ottimo livello.
Questi, nonostante la loro semplicità, convincono per la loro forza espressiva e capacità di seduzione.

Sandra M. ha detto...

Le emozioni che fanno sentire la loro influenza sulla razionalità...un bel problema per me per un lungo periodo.
L'equilibio può risultare forse noioso ma la sua ricerca mi ha rasserenato la vita.

Valentina ha detto...

Ciao Rita! Sai che riesci sempre a catturarmi, e i versi che ho appena letto sono così carichi di amore e desiderio che non smetterò mai di dire che è l'amore che fa muovere il mondo!! Bellissime parole, e tu sei sempre bravissima a descrivere tutto perfettamente. Ti auguro una bellissima serata Rita, ciao

Rita Baccaro ha detto...

Ciao Costantino, se sono piaciuti a te che sei un grande esperto di letture sono proprio contenta!

Caro Franz, l’interpretazione è libera e ti ringrazio infinitamente per il tuo contributo.. ma penso che qui l’autrice volesse proprio esprimere una sete di passione. Poi il desiderio di cui anch’io ho parlato, sì, in effetti è una vera sete di vivere!… almeno anche io così lo interpreto, che dici? Si possono sovrapporre?

Ciao Carla.
Le ragioni seppelliscono l’emotività nella razionalità. .. mi ha colpito questo concetto che poi è la tua esperienza e ti ringrazio per averla voluta donare a questo post. Sono d’accordo con te che sia sempre meglio vivere il sogno piuttosto che continuare a bramarlo.
E… se l’attesa è conoscenza e verità perché dici che sia irrazionale attendere?
Bella questa domanda che mi fai sorgere... l'attesa è razionale o no?
Baci!

Rita Baccaro ha detto...

Grazie Adriano, sei sempre molto gentile. La Boye era una persona che ha amato e sofferto, pare fosse persino bisessuale, avendo sposato un uomo ed avendo per amante una donna… che dire… userei le tue parole: sentimenti di rara intensità.

Salve Yusuf, benvenuto nel mio blog!

Ciao Jocker. Vivere con passione è proprio gustarsela la vita, dando sapore ad ogni momento.
Grazie del tuo bellissimo commento molto vicino al mio pensiero.. e alle mie emozioni soprattutto.

Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore non ha posa finché non riposa in te. (S. Agostino - da Le Confessioni)..
Luigi, non so perchè ma mi hai fatto pensare a questa frase...

Rita Baccaro ha detto...

Sei grande Rosa! Sei riuscita con le tue parole a trasmettere tutte le emozioni che si provano quando si ama e a dare una tua interpretazione ed un senso alla grande fame d’amore che a tutti prende. Ciao e buon week-end anche a te. Qualche mercatino dalle tue parti per divertirti un po’???

Ciao Luci@, grazie delle tue parole e della testimonianza sulla tua capacità quotidiana di guardare la realtà … non avevo pensato alla razionalità come avente la qualità di Luce… interessante… io invece devo provare a far luce nei miei pensieri.. :-)

Olà Marianna, quando vuoi sbirciare fa pure, accomodati sei la benvenuta e grazie per il complimnto all’idea!!

Rita Baccaro ha detto...

Grazie Guardiano!
Forse è proprio per la semplicità che convincono e colpiscono dritti al cuore. Non è facile essere semplici!

Che bello Sandra, sentire qualcuno che ha trovato il suo equilibrio. Bello e raro! E sapere che questo sia serenità è ancora più bello!! Sei una fortunata, o forse non è il termine adatto pechè sicuramente la ricerca non sarà stata facile....
Ma che bello!!!

Ciao Vale, è la poesia che ti cattura con la sua intensità!
Grazie per i superlativi!! A presto!

dandelion67 ha detto...

Quando è vero è totalizzante...l'Amore non conosce regole...Esso si esprime con emozioni e sensazioni...nella razionalità non trova conferme...mentre nel libero abbandono Esso raggiunge l'apice massimo della Sua espressione. Grazie Rita...ancora una volta mi sorprendi...un abbraccio ed un raggio di Sole giungano a Te in Luce ed emozione per un radioso ed emozionale week end..a presto Amica Cara..
dandelìon

❀~ Simo ♥~ ha detto...

La vita è un dono meraviglioso che va coltivata con amore e l'amicizia è un'ingrediente indispensabile per renderla più bella
ciao e buon w.e.!

Rita Baccaro ha detto...

Grazie della condivisione della tua sensibilità e poesia, cara Dandelion.
Libero abbandono!!
il massimo della Sua espressione!
e complimenti anche alla tua!
sottoscriverei il tuo commento, lo sento molto. ricambio il forte abbraccio e non so se io riesca come te a portare luce ed emozione.. ma insomma almeno l'abbraccio ti arriverà! :-))

Simo, grazie.. anche l'amicizia si dovrebbe desiderare con la stessa intensità dell'amore, sono doni insostituibili ed entrambi sono necessari per il raggiungimento della felicità e della completezza dell'animo umano.

Ahahahah, un'amica mi ha fatto notare di aver creato un equivoco nella mia risposta al commento ad Adriano.. Noooo, ho solo riutilizzato una sua espressione che mi sembrava appropriata, ossia "sentimenti di rara intensità"... perchè indubbiamente lo sono e molto. Sui gusti sessuali non c'è giudizio né di condanna né d'approvazione e non ci sono assolutamnte riferimenti personali.
buon week end a tutti

Vele Ivy ha detto...

Che bello aver scoperto questo blog! Scoprire un autore partendo dal vivo delle sue parole è la cosa migliore! Grazie anche per la visita a Colorare la vita :-)

Rosa ha detto...

ciao rita grazie e' senmpre un piacere parlare con te e leggere i tuoi post, mercatino luzzana oggi, domani verdellino, come vedi i mercatini non mancano mai, bacioni a presto jolanda pink rose.)

lory ha detto...

ciao rita, grazie per il tuo bel commento e ti ricambio la visita molto volentieri....sono lieta di conoscere una mia conterranea....e ti seguirò anch'io con piacere....ti confesso che non conoscevo questa poetessa che hai brillantemente presentato e mi ha incuriosito...questi versi li trovo molto intensi....un abbraccio e buon fine settimana lory

Ambra ha detto...

Grazie a te della tua visita e grazie ad achab che ci ha messo in contatto, così conosco il tuo splendido blog.
Si potrebbe disquisire all'infinito tra il concetto pessimista del Leopardi e la passione vibrante di Karin Maria Boye mirabilmente espressa nella poesia. Mi chiedo però se non sia stata questa passione, questo desiderio mai placato a portarla al suicidio.

Aruna B.C ha detto...

ciao Rita sono subito venuta a visitare la tua pagina e siccome al momento ho sottomano un nanopc con cui non riesco a godermi appieno quanto a prima vista sembra assai
interessante...me lo guarderò a casa dal pc fisso ...ora sono in una stanza d'ospedale!!
Un abbraccio

Mirta - Luce nel cuore ha detto...

Cara Rita questi versetti sono molto intensi, trasmettono emozioni profonde...



';.
.---., \
{}-.__,>=======;==================
`----' ,/
.;'


UNA ROSA per te ....Ti AUGURO UNA DOLCE E SERENA DOMENICA

Erika ha detto...

Condivido il pensiero di Ambra. Io sono molto emotiva.
Serena domenica, cara Rita!

Veronica Mondelli ha detto...

Scopro ora questo blog!
Belle le domande che poni a fine post. Non conoscevo questa poetessa e ti ringrazio di averla portata alla mia attenzione: i suoi versi mi sono subito "appartenuti". Mi rispecchiano molto. Il giorno di sete, secondo me, è quello in cui si anela, si desidera perché manca qualcosa: e la mancanza fa nascere il desiderio. Se non ci fosse mancanza non ci sarebbe desiderio e senza desiderio l'uomo non ha stimoli, né vive. Per questo è sempre meglio non essere mai sazi.
Agisco troppo in preda alle emozioni: a volte è un bene, a volte un po' di razionalità non guasta.

Non si dice piacere - La moda passa, lo stile resta ha detto...

blo davvero interessante e non banale!!


http://nonsidicepiacere.blogspot.com/

Rita Baccaro ha detto...

Benvenuta Vele Ivy e spero vorrai continuare a fare altre scoperte insieme.

Cara Jolanda-Pink- Rosa, benevolmente ti invidio… ma un giorno ti prometto, ci verrò con te ai mercatini, assolutamente!!!!

Oh Lory, ma che strana la vita, siamo della stessa città e poi ci incontriamo in un blog… speriamo presto di poterci conoscere personalmente, sono già molto felice di averti oggi, e spero ancora, ospite in questo mio piccolo spazio! ciao

E bravo Achab!! Ringrazio lui e ringrazio te, Ambra, per questa tua presenza ed il tuo commento. E' vero, sembra proprio strano che una persona animata da così tanta passione possa poi essere la stessa che si toglie la vita.. chissà quanta sofferenza e quanta assenza di speranza, quante difficoltà nel suo tempo le hanno impedito di poter vivere e gustare pienamente la vita realizzando i più profondi desideri.

Rita Baccaro ha detto...

Ciao Aruna, benvenuta nel mio blog, spero tu possa presto rientrare a casa perchè questo significherà un miglioramento della tua salute e del tuo stato d'animo, il fatto che tu poi possa anche gustare il mio blog è davvero secondario a tutto questo. Grazie a auguri di cuore!

E'la prima rosa che ricevo nel blog! Grazie Mirta, sei un'amica speciale e quanto sei brava con la tastiera, sembra un ricamo!!! io al più ti posso dedicare questo :-) e mi voglio lanciare persino in un ^_____^
comunque, non so se si è capito dallo sfondo del mio blog che è proprio il mio fiore preferito!!! Allora, Grazie davvero!

ciao cara Erika, grazie della visita e della tua testimonianza. Buon inizio settimana anche a te!

Salve Veronica, si sente dalle tue parole che i versi della Boye ti appartengono. Bello questo verbo, hai espresso tutto con una parola!
Fanno parte di te, della tua storia, delle tue emozioni, dei tuoi desideri.
Speriamo di non arrivare mai a sentirci sazi di emozioni e di vita, ma di trovare sempre i giusti stimoli per cercare ed amare, sperare e lottare

Pupottina ha detto...

credo sia l'attesa... il momento che rende perfetto ogni cosa.... in cui niente viene deluso nonostante i timori...
quando si ama tanto non si ha mai abbastanza e a l'attesa accresce sempre le aspettative...
non la conoscevo questa poetessa. mi è molto piaciuta

Lara Kasabian ha detto...

Ho appena scoperto il tuo blog e ti seguo con immenso piacere!
un abbraccio

L.K.