giovedì 31 maggio 2012

Il mio amore la mia complice e tutto - Mario Benedetti

Mario Benedetti - Ti amo

Le tue mani sono la mia carezza,
i miei accordi quotidiani
ti amo perché le tue mani
si adoperano per la giustizia
se ti am
o è perché sei
il mio amore la mia complice e tutto
e per la strada fianco a fianco
siamo molto più di due
i tuoi occhi sono il mio esorcismo

contro la cattiva giornata
ti amo per il tuo sguardo
che osserva e semina il futuro
la tua bocca che è tua e mia
la tua bocca che non si sbaglia

ti amo perché la tua bocca
sa incitare alla rivolta
se ti amo è perché sei
il mio amore la mia complice e tutto
e per la strada fianco a fianco
siamo molto più di due
e per il tuo aspetto sincero
e il tuo passo vagabondo
e il tuo pianto per il mondo
perché sei popolo ti amo
e perché l’amore non è un’aureola

né l’ingenuo finale di una favola
e perché siamo una coppia
che sa di non essere sola
ti voglio nel mio paradiso
ossia quel paese
in cui la gente vive felice
anche senza permesso
se ti amo è perché sei
il mio amore la mia complice e tutto
e per la strada fianco a fianco
siamo molto più di due.



   Mario Benedetti è stato uno straordinario poeta, scrittore e giornalista. Uruguayano di nascita, ma di origini italiane. La grande vastità di opere che ha lasciato prova la sua cultura, la sua passione umanitaria e politica e tutto il suo impegno nel costruire una patria, una casa comune per tutti i latinoamericani. Benedetti è il poeta dell’amore e del quotidiano, con il suo stile diretto quasi colloquiale ha saputo descrivere non solo sensazioni legate ai sentimenti, al tempo, ma toccare anche temi sociali quali la povertà, l’ingiustizia, la solitudine e altre varie inquietudini dell’animo umano.
   La bellezza di questa poesia sta nel suo arrivare all'essenza dell'amore, in maniera diretta, genuina e fuori da stereotipi romantici: L'amore non è un'aureola né l'ingenuo finale di una favola.  Cosa potrebbe sentirsi dire di più una donna dal proprio uomo se non che è il suo amore, la sua complice, il suo tutto.

   Sono versi che ben potrebbero dedicarsi ad una persona profondamente amata. 
   Eppure le parole della poesia Ti amo non sono rivolte solo ad una donna, ma anche a tutto il suo popolo. Mario Benedetti scriveva poesie quando il suo paese viveva in un regime totalitario dove non si potevano esprimere idee di cambiamento se non in maniera velata, per cui egli esprime l'amore per la sua donna e nello stesso tempo e con le stesse parole l'amore per il suo popolo oppresso e parla di giustizia sociale e fratellanza. 
   In quell'amore per lo sguardo che sa osservare e seminare il futuro c'è la speranza del cambiamento, che non è solo un sogno ad occhi aperti di giorni migliori. Nell'amore per la bocca tua e mia che sa incitare alla rivolta c'è tutto l'urlo ribelle di un popolo che grida parole  di libertà. 
   Ed in questi versi si rivela a chi il poeta si rivolge: per il tuo aspetto sincero / e il tuo passo vagabondo / e il tuo pianto per il mondo / perché sei popolo ti amo. 

   Vorrei dedicare questa poesia agli abitanti dell'Emilia colpiti dalla tragedia del terremoto, perché sappiano di non essere soli nel loro dolore. Nel loro cammino di ricostruzione e di riconquista della serenità tutti noi siamo complici, siamo vicini sulla stessa strada fianco a fianco e siamo tanti, un solo popolo,  tutti insieme!!!




Ti potrebbe anche interessare la lettura di:

Mario Benedetti
Perché sei mia perché non sei mia



lunedì 28 maggio 2012

Ma quanti bei premi... Grazie!!!

   Quanti bei premi ho ricevuto in questi giorni, ma soprattutto devo dire...
quante belle amicizie ho trovato grazie al blog, quante belle persone ho conosciuto, quanto ho imparato venendo a leggere i tanti post in questo anno di vita da blogger, quante emozioni e quanta gioia!
   E aggiungo anche: quanto tempo necessita questa attività da blogger e quanta dedizione, passione, quante notti trascorse insonni. Quando poi il lavoro o la famiglia richiedono ed assorbono ogni energia purtroppo non ci si può dedicare come si vorrebbe, ed io preferisco al fare male le cose, il non farle proprio. Ma ora eccomi ancora qui e dedico questo post a tutti voi che mi avete aspettato, scritto e manifestato grande affetto. Anche io sento la mancanza della condivisione e spero di poter riprendere possesso del mio blogging time e viverlo con lo stesso entusiasmo di sempre.

Ringrazio Sciarada per avermi dedicato il suo pensiero donandomi 

il PREMIO ALMOHADA


che spetta
"ai blog che ci appassionano 
di più, per coloro tanto bravi a scrivere che ci fanno emozionare!"


Accettando il premio, occorre rispettare cinque regole:
  • Citare tre frasi che mi rispecchiano
Nella vita ci sono giorni pieni di vento e pieni di rabbia,
ci sono giorni pieni di pioggia e pieni di dolore, ci sono giorni pieni di lacrime;
ma poi ci sono giorni pieni d'amore che ci danno il coraggio
di andare avanti per tutti gli altri giorni.

Romano Battaglia da Notte infinita ) 


Vivere: nel vivere non c'è alcuna felicità. Vivere: portare il proprio io dolente per il mondo. Ma essere, essere è felicità. Essere: trasformarsi in una fontana, in una vasca di pietra, nella quale l'universo cade come una tiepida pioggia. 
(Milan Kundera da L'immortalità)

Socrate diceva non so niente, proprio perché se non so niente problematizzo tutto. La filosofia nasce dalla problematizzazione dell'ovvio: non accettiamo quello che c'è, perché se accettiamo quello che c'è, ce lo ricorda ancora Platone, diventeremo gregge, pecore. 
(Umberto Galimberti)
  • Indicare tre canzoni che mi piacciono 
One - U2
Don't you (forget about me) - Simple Minds
Sexbomb - Tom Jones
  • Esprimere un desiderio
Fatto!!
  • Scrivere una parola che rispecchia il desiderio

Grazie mille alla mia conterranea dolce amica Lory, che dalle pagine del suo blog  Il filo del cuore 
mi ha conferito il premio

YOUR BLOG IS GREAT




Premio che a mia volta dono con gioia a:
- gli amici de  l'Angolo del sorriso
- Simo, Valzer di emozioni
- Vicky, Arte in cucina
- Lorenzo, Logos nella nebbia
- Carla, La vostra arte
             e... soprattutto.... a
Squilibrato, per il suo blog unico e speciale....hai visto, Matteo, che ho mantenuto la promessa e non mi sono dimenticata di te?? :-)



Grazie infine a Costy , amica dall'animo sensibile e poetico,  per avermi donato il premio Adamas



Per onorare questo premio ci sono tre regole da rispettare:
  • citare un proverbio che si ritiene vero:
meglio un giorno da leoni che cento da pecora
  • pubblicare un'immagine che rispecchi il proprio umore:


  • designare il premio ad altri sei blog:
Chiaretta - Le recensioni di Chiara

   Naturalmente per chi è stato scelto, ciò non comporta un vincolo, né per chi è stato omesso rappresenta un segno di mancato affetto o stima. Purtroppo fare delle scelte è sempre molto difficile e mi dispiace per chi non ho potuto nominare, ho cercato di guardare nei vostri blog cercando di dedicare i premi a chi non li avesse ancora ricevuti. Nei giorni di assenza dal blog mi siete mancati tutti e considero le persone designate semplicemente una rappresentanza di tutti voi con i quali si è instaurato un rapporto di conoscenza e fiducia ed invito chiunque volesse a considerarli propri e ad inserirli nel proprio blog. 

   Proprio ieri pomeriggio ho incontrato personalmente Erika, una blogger amante dei viaggi e delle fotografie, una donna simpatica ed intelligente. Da tanto tempo ci scriviamo attraverso i nostri blog o su fb ed abitando vicino è stato molto bello passare dai contatti virtuali al fare insieme una bella passeggiata e dedicarsi vicendevolmente un po' di tempo per stringere ancora di più il nostro rapporto di amicizia. Vi invito a passare sul suo blog Erika foto viaggiando dove ha anche pubblicato una foto ricordo del nostro incontro. Il primo a cui sicuramente ne seguiranno tanti altri!!



domenica 13 maggio 2012

Io ti direi ... - Carla Colombo


Se gli occhi
si chiudessero all'imbrunire
ed il silenzio avesse
il colore del buio
io ti sognerei.


Se il cuore
fosse con me stasera
ed avesse il colore dell'amore
io ti direi
Ti amo.


(Carla Colombo - Io ti direi... )

Carla Colombo nel suo studio - www.artecarla.it

   Carla Colombo è un’artista. Pittrice e poetessa. Una donna dalla grande sensibilità.
   Entrata giovanissima nel mondo della pittura, in principio da autodidatta, ha poi perfezionato il suo talento con vari corsi e seguita da maestri di talento, quale ad esempio Arnaldo Beretta. Ha ricevuto tanti premi e riconoscimenti e collabora anche al periodico ExpoArt. Coltiva questa sua passione ormai con professionalità ed impegno, con una creatività inesauribile e raffinata.
   Predilige raffigurare paesaggi, ed in particolare quelli della sua Brianza. Le sue opere ricche di luce e colori, ispirano sempre equilibrio e serenità, con atmosfere dove madre natura è protagonista, in una visione sempre elegante ed idilliaca.

   In “Io ti direi…”, una poesia bella nella sua semplicità, si ritrovano alcuni elementi che caratterizzano l’espressione artistica di Carla: i colori come protagonisti, il sogno che non è fuga dalla realtà, ma una sua rappresentazione, ed insieme ad essa interpretato con serenità, compartecipazione e dolcezza, la malinconia positiva che non si compiace dell’amarezza o del dolore e la magia dell'amore che tutto permea. Mi colpisce molto questo suo dolce desiderio d'amore chiuso nel cuore, ma con la voglia di vibrare nei colori della vita.

Vari quadri dipinti con la tecnica olio a spatola da Carla Colombo
      
   Carla è anche una blogger (Arte Carla Colombo), davvero super per quanti blog riesce a gestire, e soprattutto un’amica, una persona generosa e attenta, sensibile ed altruista.  
   Una persona non concentrata solo su se stessa, disponibile e ospitale, una vera amante dell’arte in tutte le sue forme. Encomiabile il suo notevole impegno, alimentato da vera passione, con il quale presenta altri colleghi artisti e svolge un'attività di divulgatrice contagiosa della passione per l'arte. In un altro suo blog, La Vostra Arte, ospita quindicinalmente vere e proprie mostre online, dando visibilità ad altri artisti e facendoci conoscere tante diverse personalità. Con questa sua generosa attività consente anche ad un pubblico più ampio di approcciarsi a varie tecniche e modalità espressive. Dal gennaio 2010 ne La Vostra Arte ha ospitato più di 50 mostre personali di artisti vari.
   La sua apertura a forme di collaborazione con altri artisti è anche testimoniata dalle tante collettive che organizza o a cui partecipa. 

La china di Carla in primo piano e, insieme ad altri suoi omaggi, sulla mia scrivania
   Avrei voluto da tempo dedicare a Carla un post di presentazione, l’occasione ora mi è stata data dalla fortuna. Recentemente ho vinto un suo disegno realizzato con la tecnica della china, messo in palio sul suo blog. Il disegno è veramente ricco di fantasia e di minuziosi particolari finemente realizzati come un perfetto e romantico pizzo sangallo. 
   La china si intitola “Il sole se n’è andato?” e Carla me l’ha inviata scrivendo anche una carinissma dedica personale sul retro. 
   No, penso proprio che il sole non sia andato via, non basta mettergli una mano davanti per oscurare la sua luce. L'infelicità può a volte farci sentire come in una prigione oscura, ma i raggi di questo sole sono formati da cuori che donano energia a tutta la natura. Penso, quindi, che Carla voglia dirci di non temere perché nella vita nulla può toglierci la luce ed il calore dell'amore e che una sua assenza non potrà mai essere definitiva.

Ciao e GRAZIE Carla!!