Visualizzazione post con etichetta Neruda. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Neruda. Mostra tutti i post

domenica 3 luglio 2011

Donna

Donna completa, mela carnale, luna calda,
denso aroma d'alghe, fango e luce pestati,
quale oscura chiarità s'apre tra le tue colonne?
Quale antica notte tocca l'uomo con i suoi sensi?
Ahi, amare è un viaggio con acqua e con stelle,
con aria soffocata e brusche tempeste di farina:
amare è un combattimento di lampi
e due corpi da un solo miele sconfitti.
Bacio a bacio percorro il tuo piccolo infinito,
i tuoi margini, i tuoi fiumi, i tuoi villaggi minuscoli,
e il fuoco genitale trasformato in delizia
corre per i sottili cammini del sangue
fino a precipitarsi come un garofano notturno,
fino a essere e non essere che un lampo nell'ombra.
(Pablo Neruda - XII Sonetto, da Cento Sonetti d'amore)




I versi di Neruda hanno il prodigio di essere senza tempo, non hanno il sapore della fugacità bensì dell'eterno. Sempre densi di illuminazioni liriche, di intelligenza emotiva ed anche di veemente passione, sono carnosi e vivi. Essi superano sempre l'avventura sentimentale personale per incorporare una passione destinata a rivivere in ognuno, in modo coinvolgente più che trascinante, sempre intensa ad ogni loro passaggio.  Sì, perché per me le poesie di Neruda non sono parole scritte destinate solo alla semplice lettura, sono esperienza vibrante e concreta. Vivono e si vivono. 
Egli chiama, bacia, ama fisicamente la sua donna completa e calda e di colpo è per me sentire il sangue che scorre nel corpo.

lunedì 16 maggio 2011

Due amanti felici

Due amanti felici fanno un solo pane,
una sola goccia di luna nell'erba,
lascian camminando due ombre che s'uniscono,
lasciano un solo sole vuoto in un letto.
Di tutte le verità scelsero il giorno:
non si unirono con fili, ma con un aroma
e non spezzarono la pace né le parole.
E' la felicità una torre trasparente.
L'aria, il vino vanno coi due amanti,
gli regala la notte i suoi petali felici,
hanno diritto a tutti i garofani.
Due amanti felici non hanno fine né morte,
nascono e muoiono più volte vivendo,
hanno l'eternità della natura.
(Pablo Neruda - Due amanti felici)


Carlo Levi. Amanti
http://www.galleriaidioscuri.it/clevi.htm



L'amore è quell'energia che riesce a fondere due anime e, naturalmente anche due corpi, in un'unica realtà.
Un'unità infinita che ci supera ben oltre la morte.
Belle in questa poesia le immagini dell'unico pane, dell'unica goccia su un filo d'erba, delle ombre che si congiungono nel cammino fatto insieme.
Il letto è vuoto, ma stranamente non significa che non ci sia niente, che sia mancante di qualcosa, privo di senso. Lì sopra c'è un'unica orma ed è ardente e luminosa.
La felicità data dall'amore è grande, alta, svettante e sicura come una torre.
Una torre dalle mura di vetro perchè la felicità di chi ama non si può nascondere: è pura, semplice, chiara e lascia attraversare la sua luce. 

lunedì 11 aprile 2011

L'amore è come la natura



"Voglio fare con te
quello che la primavera fa con i ciliegi."
(Pablo Neruda - da Giochi tutti i giorni con la luce dell'universo)



L'amore è come la natura
con la sua forza e le sue leggi eterne a cui non si può resistere,
ma solo abbandonarsi come in un abbraccio...