venerdì 24 maggio 2013

"Dove sei adesso" di Muriel Rukeyser

Dove sei adesso?
Se solo ci potessimo toccare,
se le nostre separate entità potessero
incastrarsi come un puzzle cinese ...

Amore:

la felicità di combaciare perfettamente
con tutti i pezzetti di te.

E insieme il puzzle è risolto..


   
   Muriel Rukeyser è una scrittrice e poetessa americana vissuta nel secolo scorso. A soli ventun'anni, nel 1935, vinse il premio Yale Younger Poets, con la pubblicazione del suo primo libro. Nella sua carriera ha ricevuto spesso riconoscimenti e vinto altri prestigiosi premi quali: il premio Poesia Harriet Monroe, il Premio Levinson ed il premio Copernico. Tuttavia la critica nei suoi confronti si è sempre abbastanza divisa, non riservandole solo lodi ed approvazioni. Insomma... odiata o amata, senza vie di mezzo!
   È stata soprattutto una famosa giornalista ed attivista per la campagne sociali, l'uguaglianza e la pace ed ha precorso il movimento femminista degli anni '60.

   Un meraviglioso esempio della visione relazionale della poesia che aveva Muriel Rukeyser è data dal Poetry Wall che si trova nella Cattedrale di St. John in Manahttan - New York. Fu fondato nel 1976 dalla stessa poetessa come luogo di apertura e libertà della poesia. Qui si accetta qualsiasi poesia venga presentata ed in ogni lingua, firmata o meno.


   "Le nostre poesie sarebbero un fallimento se i nostro lettori non venissero portati da esse al di là delle poesie", così affermava Muriel Rukeyser.    
   I versi di "Dove sei adesso?", in verità, offrono numerosi stimoli per varie considerazioni.

    Per secoli, poeti e drammaturghi sono stati ispirati dall'idea d'amore che trae origine nello spirito che cerca la completezza. Tanti hanno nutrito i concetti che regolano la vita di coppia e la relazione amorosa promuovendo la fantasia che due persone siano una!
   Condivido poco l'idea che ogni essere sia una metà che cerca disperatamente l'altra per il mondo e se, per caso, esse si incontrano, giungono a quello stato di fusione totale, in cui non ci sono più problemi. L'incontro con l'amore diverrebbe così un fine (la soluzione), invece è soltanto l'inizio di un lungo cammino di ricerca, di accordi e comunicazione permanente anche nella crescita e nel cambiamento.
   
   Il puzzle ricomposto più che definire quell'alchimia particolare che fa levitare due persone in uno stato di grazia, a mio parere, ben esprime invece, la necessità in un rapporto di reciproca condivisione delle proprie vulnerabilità e di tutte le varie componenti e sfaccettature della personalità. Condivisione che può realizzarsi solamente con la conoscenza reciproca nel tempo e che diventa incastro con l'accettazione dell'altro nella sua diversità.
   Il paragone con il puzzle fa comprendere come l'incontro amoroso non avvenga e non potrebbe avvenire con un secondo-io, un essere simile a sé, bensì proprio e soltanto con un essere differente, un'entità separata.
    La Rukeyser, inoltre, cita espressamente il puzzle cinese, ossia il tangram o gioco delle “sette pietre della saggezza”. Si riferisce a quel gioco millenario, all’apparenza molto facile, che si realizza scomponendo un quadrato (soprattutto ma anche altra figura) in sette forme geometriche, che successivamente si devono combinare tra loro, ottenendo un infinito numero di figure e disegni. Qualsiasi figura realizzata deve essere costituita impiegando tutti i sette pezzi del tangram.   
   Per completare il puzzle cinese occorre fantasia e talento ed il gioco simboleggia una filosofia di vita legata alla costante mutazione delle cose, tanto è vero che non c’è una soluzione definitiva. E poiché il tangram è concepito come infinito da cui originano tutte le cose, qui il paragone compiuto dalla poetessa con l’amore è perfettamente combaciante.


   L’amore è come il motore originario di ogni forma d’esistenza, che richiede attenzione e applicazione,  stimola l’intuito, il confronto e la conoscenza.  L’amore è, dunque, in evoluzione perenne come in una continua elaborazione e sa, con gioia, prendersi cura di ogni particolare senza tralasciarne alcuno. Come nel tangram tutti i pezzetti, pur nella loro diversità, sono indispensabili, così il puzzle dell'amore può risolversi quando nessuna sfumatura del carattere, anche quella più difficile o impossibile che ci porta a considerare l'altro un'entità diversa, è considerata marginale o superflua, ma ogni aspetto viene ritenuto essenziale ed importante per costruire insieme una nuova vita.

giovedì 16 maggio 2013

Incontro blogger a Bari

   Dopo svariati mesi in cui questo blog è rimasto in stand-by, eccomi ancora qui a condividere con voi un'esperienza significativa e devo ringraziare AmbraErika e Sandra, che mi hanno dato occasione di aderirvi. Si tratta del VI raduno blogger che si è svolto a Bari, domenica 12 maggio, organizzato dalle suddette amiche, le "tre donzelle del web"!

Da sinistra: Ambra, Sandra, Erika e me sul lungomare di Bari

   A questo incontro avrebbero dovuto partecipare anche altri blogger, venuti meno purtroppo all'ultimo momento. Io invece, pur non essendo ormai una blogger in piena attività, sono stata contenta di essere stata invitata e non potevo mancare ad un incontro che si svolgeva proprio nella mia città. 

lunedì 24 dicembre 2012

Natale, sorgente di speranza!



Cantatelo nell'attesa dell'alba,
cantatelo dolcemente,
dolcemente all'orecchio delle tenebre del mondo!
(Gertrud von le Fort)


   
   La scrittrice e poetessa tedesca Gertrud von le Fort (1876 - 1971) ha riassunto splendidamente quale sia la chiamata che il Natale compie in ognuno di noi.
   Nella nostra realtà così complessa e in questi tempi di crisi, non solo economica, ma anche familiare e sociale, il Natale non è esclusivamente poetica bontà, ma sorgente di speranza. Natale è l’annuncio che, nonostante i nostri limiti, le nostre debolezze, qualcuno ci viene incontro, ci sceglie.   
   Comprendere che qualcuno ci ama e vuole percorre con noi il cammino della vita è la più bella delle notizie. E quindi annunciamo e portiamo a tutti questo festoso annuncio d'amore e speranza.

Buon Natale!!!!





   Grazie a tutti di vero cuore!

   Grazie a chi in questa settimana è già passato a trovarmi lasciando i suoi auguri nel precedente post e dedicandomi pensieri affettuosi e grazie a tutti voi, perché siete stati un vero sostegno per me quando, nonostante la mia prolungata assenza dal blog, avete continuato a manifestarmi amicizia, affetto, desiderosa attesa, mi avete invitato a tornare e scritto anche privatamente, vi siete preoccupati per me. Mi dispiace non aver avuto il tempo di passare da ognuno per ringraziare e per far comprendere quanto i vostri saluti e le vostre visite mi abbiano fatto felice e commosso. Sarebbe abbastanza lungo spiegare i vari motivi che mi hanno portato a dover limitare il mio blogging time, fino a doverlo quasi annullare. Spero presto di poter tornare a scrivere e a trovarvi poiché la condivisione mi manca molto e questa esperienza di conoscenze e rete di belle amicizie è stata per me meravigliosa in tutti i suoi aspetti.
   Ho preferito non chiudere il blog né metterlo in pausa, perché un blog è comunque uno spazio aperto, è sempre una porta aperta… per me e sempre lo sarà per chi mi viene a trovare. Un blog lo si può chiudere solo eliminandolo completamente dal web e ciò non lo riterrei possibile per questo spazio che è mio ed anche di tutti, non potrei cancellare pagine di riflessioni, di incontri, di comunicazione, pagine in cui sono racchiuse le emozioni ed i pensieri di tante persone.  Il mio blog è sempre aperto nonostante le mie attuali difficoltà di scrivere o dedicarmi al blogging ed è sempre accesa in me, come in voi che pazientemente mi aspettate, una speranza!

   A più di qualcuno avevo preannunciato già dalla primavera, che sentivo comunque il bisogno di cambiare qualcosa in questo blog. Per il momento ho cambiato layout, colori e titolo e poi…
insomma vi aspetto il prossimo anno 
che vi auguro sia piano di serenità e pace.
   Che sia anche per il nostro Paese e per le nostre famiglie un anno di speranze realizzate.