Visualizzazione post con etichetta Kundera. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Kundera. Mostra tutti i post

lunedì 17 ottobre 2011

Il destino

"Il caso è un fattore della vita sbalorditivo. Tu sei venuta al mondo per puro caso, in un posto lungo il Mississippi. Io sono il risultato del congiungersi di Sam e Ietta Jelnikoff, nel Bronx, nei decenni antecedenti, e attraverso un'astronomica concatenazione di circostanze, le nostre strade si sono incrociate: due fuggiaschi nel vasto, buio, inesprimibilmente violento e indifferente universo."
(Boris J. in Basta che funzioni)


   Questa citazione è tratta dal film Basta che funzioni del 2009, in cui Woody Allen ci presenta ancora una volta la sua visione del mondo e dell'amore, facendo una vera sintesi di tutta la sua filosofia di vita.

venerdì 24 giugno 2011

Quale immagine per l'amore?

"Il concetto di amore si univa in lui all'immagine del mare, il più ribelle di tutti gli elementi. Quando era in vacanza con Agnes, di notte, nella stanza d'albergo, lasciava la finestra spalancata, perché mentre facevano l'amore entrasse da fuori la voce della risacca e loro si fondessero con quella grande voce.  Amava sua moglie ed era felice con lei..."
(Milan Kundera, da L'immortalità)


"Ti dirò che sia amore. Amore è un fuoco,
che dal bel volto tuo vola al mio seno;
de' tuoi lumi è chiarissimo baleno,
atro fulmine in me, per cui m'infoco. [...]"
(Andrea Perrucci)





La prima citazione è un piccolo brano tratto da un grande romanzo pubblicato nel 1990 da uno fra i miei autori preferiti. Paul paragona l'amore che nutre per sua moglie Agnes al mare, scelto quale elemento ribelle.
Inoltre il mare è immenso, profondo, non si può spezzare né contenere, ecco perché  potrebbe quindi ben prestarsi ad essere simbolo d'amore.
Nella seconda citazione, tratta da un sonetto di un poeta del Seicento, l'immagine che viene ad esso associata, invece è il fuoco, come spesso avviene soprattutto quando l'amore è inteso come passione.
La poesia, come l'arte in generale, è sempre evocativa di immagini, è fantasia ed anche concretezza. L'amore è vita e allora ...
Mi viene da pensare che in realtà tutti gli elementi vitali possono offrirsi come icona del più grande e intenso dei sentimenti,  perché ognuno ne rappresenterebbe un suo aspetto a seconda della prospettiva e dell'esperienza.

Qual è l'immagine che tu sceglieresti?


La terra: la solidità, la concretezza, l'accoglienza, l'elemento tangibile e stabile. Dà sicurezza ed è quello generante, fertile, che possiede la più grande delle forze, quella di gravità.
L'acqua: il suo stato naturale è quello liquido, e come tale è incomprimibile, aggira gli ostacoli che incontra e tutto riempie. E' la coesione. Il maggior componente dei nostri corpi e il primo anello nella nascita di ogni forma di vita.
L'aria che tutto avvolge, presenza invisibile e indispensabile in ogni istante, lo spazio intangibile che tutto unisce.  Il respiro.  La vibrazione, l'espansione.  Si diffonde ovunque e ovunque soffia.
E poi il fuoco, l'elemento inafferrabile, ma tangibile nei suoi effetti, difficile da controllare.  E' l'energia, la luce, il calore, l'esplosione, la trasformazione.

mercoledì 11 maggio 2011

Milan Kundera

"Tutti noi consideriamo impensabile che l'amore della nostra vita possa essere qualcosa di leggero, qualcosa che non ha peso, riteniamo che il nostro amore sia qualcosa che doveva necessariamente essere; che senza di esso la nostra vita non sarebbe stata la nostra vita."

(da L'insostenibile leggerezza dell'essere)




E' vero: la trama della mia vita non poteva essere altrimenti...
Non sarei stata IO senza aver vissuto questo incontro.