lunedì 26 marzo 2012

Il profumo della vita … e delle parole


"Io sono tanto affezionato alla parola, perché io sono un poeta. Le immagini che sono dentro la parola sono infinite. 

La parola è piena di cinema."

(Tonino Guerra)

 
   Come sono belle le parole! E come sono belle quelle che ognuno di voi ha scritto in risposta al mio precedente post  Non esiste saggezza... esistono le parole. Sì. Esistono le parole e sanno comunicare e donare emozioni, trasmettere anche le percezioni più impalpabili, riportare all'oggi i ricordi e anticipare profeticamente il futuro, narrare storie e tradurre immagini e sentimenti.
   I vostri commenti, così densi di pensieri e delle vostre sensazioni tradotte in parole per esprimere l'essenza che il profumo dell'amore ha per ciascuno, mi hanno fatto pensare alla immensa possibilità di comunicazione che il web ci consente, alla ricchezza di un piccolo spazio pensato come ad un laboratorio di scrittura, che in realtà permette oltre ad un'espressione verbale creativa un momento di ascolto profondo di se stessi e di generosa condivisione.   
   Il mio grazie è rivolto ad ognuno di voi per essersi fermato anche più di qualche minuto dopo aver letto il post ed aver reso me e tutti partecipi delle proprie emozioni e riflessioni scaturite dalla frase di Carofiglio o dalle mie parole. Quando il blog diventa luogo di condivisione ed incontro trova la sua identità e la sua vera ragione di essere. Mi dispiace se, per una serie di motivi in questi ultimi giorni sono mancate un po' di parole nel mio blog. Vi assicuro che io sono la prima ad averne sentito la mancanza e ad aver vissuto questo silenzio come al buio. Spero nei prossimi giorni di poter inserire i vari post che mi sono venuti in mente in questi giorni e di recuperare la lettura di tutte le cose belle che avete pubblicato.
   Ringrazio anche chi si è fermato a riflettere su quali siano i limiti di una vera possibilità di comunicazione emozionale basata sulla parola.
  Certamente la parola ha soltanto la presunzione di esprimere compiutamente ed esaurientemente i dettagli, di poter definire con esattezza e precisione il mondo interiore, ma deve e può accontentarsi solo di suggerire delle visioni. L’infinito mondo personale non si palesa con o nelle parole, ci vuole tanto altro e soprattutto esso si mostra solo nell’amore che può dare la giusta sensibilità e volontà di scoprire l’infinito.
   Eppure non viviamo in mondi totalmente incomunicabili. Se è vero che c'è un limite contro il quale non possiamo lottare, forse il senso è impegnarsi per conquistare un relativo piccolissimo spazio di comunicazione.  Che aiuti (non che si accontenti) a rappresentare il proprio mondo, la propria realtà in tutti i suoi aspetti contraddittori, multiformi, persino banali.
   Ognuno vive la propria realtà e nello stesso tempo una realtà comune e tutti insieme abbiamo sotto gli occhi infinite sfumature di cui possiamo essere interpreti e mediatori.
   La comunicazione è un’arte, si comunica e si vive come nell’arte.
   - Forse è l’utopia della parola? o solo l’arte della comunicazione in generale?




    Ho aperto questo post con una frase pronunciata da Tonino Guerra nel corso di un'intervista e che ben si inserisce in riferimento alla citazione di Carofiglio: "le cose non esistono se non abbiamo le parole per chiamarle". Tonino Guerra era un grande comunicatore, un ricercatore di parole ed aveva una capacità unica di creare immagini con esse, di raccontare e catturare anche con poche parole l'essenza della vita, incantando con la sua visione delle cose a metà strada tra fiaba e realtà, senza mai aver paura di stupire o scandalizzare. Per lui tutto esisteva...  perchè le trovava le parole!! 
   Non dava consigli a chi voleva imparare a scrivere, se non quello di osservare, farsi colpire dalle immagini, rubare gli avvenimenti della vita e tradurre tutto in parole. 


"Se dovessi insegnare non direi ormai molte parole, porterei un armadio in una vecchia stanza, qualche vecchia bottiglia impolverata e a tutti direi: "Dammi queste bottiglie, fammi capire queste bottiglie, dimmi l'anima di queste bottiglie" e basta.  E' con l'immagine che insegnerei adesso". 
(T. G.)

   
   Nonostante la sua vasta produzione poetica ed artistica e la sceneggiatura di quasi 130 film, la sua popolarità era legata ad un fortunato spot televisivo, nel cui slogan "L'ottimismo è il profumo della vita! L'ottimismo vola!" riuscì a racchiudere la sua filosofia di vita, ossia l'ottimismo. Si, anche lui era riuscito a trovare una parola per definire un odore e dare profumo alla vita.
  
"La morte non è mica noiosa
viene una volta sola."

(T. G.)

 
   In quale giorno poteva venire per lui la morte se non in quello più profumato, ottimista e poetico, scelto anche dall'Unesco per celebrare la Giornata Mondiale della Poesia? E così lo scorso 21 marzo è sceso il silenzio per coloro che lo amavano e per la cultura italiana, ma almeno lui non ha fatto in tempo ad annoiarsi, lui sempre così positivo ed amante della vita.


"L'aria è quella cosa leggera che sta attorno alla tua testa,
ma che diventa più chiara quando ridi."

(T. G.)

   Impossibile descrivere Tonino Guerra con un solo appellativo. Era un poeta, scrittore, sceneggiatore, scultore e pittore, progettista di fontane, piazze e musei, un artista dotato di grande fantasia e di inguaribile ottimismo, un amante della bellezza, un cantore della civiltà contadina e della sua Romagna, ma soprattutto della vita. Un cantore dell'infinito.
   Iniziò la sua avventura nella poesia mentre era nel campo di concentramento di Troisdorf in Germania durante la Seconda Guerra mondiale, quando altri prigionieri gli chiesero di raccontare qualcosa nel suo dialetto romagnolo. Con i suoi versi portò il nutrimento per l'anima e qualche sorriso persino in quel luogo di sofferenza perché la poesia consente di vedere la realtà con occhi nuovi.
  Come sceneggiatore ha collaborato con i più autorevoli maestri della regia: Federico Fellini, Elio Petri, Vittorio De Sica, Luchino Visconti, Michelangelo Antonioni, i fratelli Taviani, Monicelli, Rosi, Lattuada, Bellocchio, Wenders, Tarkovskij  ed Thodoros Angholopulos, con il quale era legato da profonda amicizia ed a cui ha dedicato il suo ultimo libro edito propiro in questi giorni. 


   "Tonino era tutt'uno con questo piccolo mondo trasformato nell'universo dalle sue poesie ognuna con l'infallibile precisione, cioè l'inimitabile alleanza degli occhi e del cuore, di un poeta che porta i pensieri e le cose a un'altezza sorprendente."  Con queste parole Sergio Zavoli ha ricordato il suo amico "credevi in assoluto al privilegio di essere nati. A patto, aggiungevi, che poi si viva non per esistere, ma per vivere insieme."


   Il motto di Tonino Guerra si può racchiudere nella sua frase temeraria
VINCERA' LA BELLEZZA
poiché lui aveva una certezza: che tutto quanto può essere vero è, per ciò stesso, possibile!
    




  - E tu, sei così ottimista? Tutto o cosa è per te... possibile?

38 commenti:

Melinda ha detto...

Non sono ottimista e mi piace quando la vita mi sorprende in positivo.
Bellissime le citazioni di Guerra riportate.
Ma sai che stavo venendo sul tuo blog, perché era da un po' che non mi comparivi nel blogroll ed invece sei apparsa magicamente. :D

Paola ha detto...

Mi dispiace che ancora un'altra persona così speciale è venuta a mancare, ma anche Tonino Guerra, come tutti i grandi personaggi, non potrà mai scomparire del tutto: di lui rimane tanto e il suo dire, il suo parlare e saper usare le parole, è e sarà per sempre meraviglioso...mi piaceva tanto la sua voce.. Mi auguro che si avveri la sua frase"Vincerà la bellezza" sarebbe davvero una gran cosa! Un abbraccio Rita, a presto

Teo Dor ha detto...

Si! credo di essere ottimista, voglio esserlo, perche ho fiducia in Dio e in tutto che mi circonda,,, gli esseri umani sopratutto, e gli amici prima di tutto. E poi avere amici come te Rita!!! come non essere ottimisti?! Ti ringrazio anche per questo tuo post, c'e tanta, tanta bellezza, di nuovo una lezione di vita. Ti sorrido Rita!!!
Un tenero abbraccio.

Joe Black ha detto...

Ciao Rita.
E sì che s'è sentita la tua mancanza :)))))))
Però, per non smentirti sei tornata alla grande, seguendo sempre un filo logico tra un post e l'altro. Mi piace sto tuo modo d'essere e ci sto bene in questo tuo salotto. Che dire..."profuma di vita".....
Io sono ottimista. Non riesco ad esser diversa. Ed essere ottimista non vuol dir esser sempre felice, anzi...... E' solo veder sempre, anche nel buio più profondo. E se si nutre la propria volontà tutto è possibile in quest'unica nostra vita. E ciò non significa voler campar di speranze, bensì godere e trarre appagamento da tutto ciò che di più scontato ci circonda.

Voglio dare anch'io il mio saluto a Tonino Guerra!

Un bacio e un abbraccio ate non guasteranno di sicuro :)

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Questo post è una vera lezione di vita
Grazie Rita un abbraccio grandissimo

Tomaso ha detto...

Un post cara Rita che chiudendo gli occhi ripeti senza accorgerti di ripetere! la vita è bella.
Grazie cara amica, un abbraccio.
Tomaso

Pupottina ha detto...

ciao Rita
uno stupendo buongiorno con le parole di Guerra. Dentro le parole ci sono infinite immagini, emozioni, sogni, speranze, tutto ciò che cerchiamo.
bellissimo questo post celebrativo!!!

per natura sono una pessimista catastrofica, ma forse non lo si evince dal blog ... in realtà non è che sia sempre andata bene, nache se poi non è giusto nemmeno lamentarsi, perché, come per ogni cosa, c'è sempre chi sta peggio ...
mi piace sperare che tutto sia possibile, ma quando lo devo cercare di realizzare è una faticaccia ... eheheh un abbraccio

Pupottina ha detto...

oggi sono a casa, dopo quella situazione che ti ho spiegato e, tra l'altro, oggi aspetto anche il prete per la benedizione pasquale della casa ... ahahahah e Kevin è preoccupato che mi sta lasciando troppo con mia suocera ... prima io non c'ero e la casa non me la benediva nessuno ... ahahahah invece è una fortuna averla in casa mia suocera e Kj è un amore, quando posso stare con lui. sembra proprio che abbia preso da me. dorme tanto, soprattutto di notte, mangia e dorme... forse questo dovrebbe farmi vedere un po' di ottimismo, per riallacciarci al discorso di prima ;-)

sirio ha detto...

Ciao Rita, eh sì che sono ottimista.
Forse di natura, forse perchè me ne sono fatto una filosofia di vita, quella che reputo la migliore.
Tonino Guerra in questo è stato un maestro, ma come hanno già asserito prima di me, una persona del genere non potrà mai scomparire nell'anonimato.
Buona giornata!

Zio Scriba ha detto...

Splendida persona, che ci mancherà, come splendide sono le sue parole da te proposte, a cominciare dalla citazione iniziale.

Quanto all'ottimismo, io sono un pessimista non rinunciatario: so che pochissime belle cose sono possibili, ma lavoro ogni giorno per realizzare l'impossibile. Ogni mio respiro vuol tramutarsi in bellezza, e qualche volta ci riesce.

Ciao Tonino! E Grazie!

Chiaretta ha detto...

Ci sei mancata Rita, bentornata!! Bellissimo, meraviglioso post, come sempre! Non conoscevo la vita di questo artista a tutto tondo, ma grazie a te ora ne so un po' di più. Le frasi che hai riportato fanno riflettere, si vede che era un grande uomo.
Per quanto mi riguarda penso di essere ottimista in fondo. A volte mi faccio prendere dallo sconforto, ma dura poco, subito il mio spirito allegro prende il sopravvento e tutto si colora di nuovo!

Gianna ha detto...

Grave perdita, Rita.

Sei sempre accattivante...io sono ottimista e la mia comunicazione regge meglio senza le parole, ma con la gestualità...

Adriana Riccomagno ha detto...

Sinceramente, vado molto a periodi: quando riesco, sono assai ottimista, poi passo dei periodi in cui tutto mi sembra difficile... (come questo)

Giovanna ha detto...

i tuoi post sono sempre meravigliosi brava

Valentina ha detto...

Ciao Rita, sono contenta di leggerti di nuovo, sono passata a trovarti diverse volte in questa settimana.. Ovvio che il tuo ultimo post è riuscito a coinvolgere tutti, riesci sempre a travolgerci con le tue parole e i tuoi argomenti e anche questa volta è stato così!! Io ottimista?? Nooo, anche il mio ragazzo mi rimprovera sempre e lui è un ottimista cronico, t'avesse risposto lui avresti letto un si grosso come una casa!!! Io non lo sono mai stata troppo ma dovrei iniziare ad avere un po più di fiducia perchè nella crisi di ora l'ottimismo è una delle poche cose che ci rimane!!!
Un abbraccio forte carissima

Lufantasygioie ha detto...

mi spiace davvero tanto....

Passo per ringraziarti,anche Leo lo fa.
Baci

Adriano Maini ha detto...

E' degli artisti veri esternare più compiutamente sé stessi. Ma discutere e ascoltare con calma, per iscritto o verbalmente, rappresenta per chiunque un arricchimento culturale. Un affettuoso pensiero, infine, a Tonino Guerra per i tanti suoi film che mi hanno emozionato.

Dony ha detto...

Non sono ottimista, ma questo non mi impedisce di lottare per quello in cui credo...
Pessimista ma non passiva, ecco...

Grande Tonino Guerra, adoro la prima citazione sulle parole, la piu' bella che hai postato.
Ci sono parole che...le incontri, e rimani esterrefatta.
Perche' emozionano, perche' inducono alla riflessione, io spesso ho paura di dimenticarle, o rimuoverle...per fortuna, verba volant, scripta manent!!!

Mi dispiace che anche tu sia stata costretta a restare lontana da questo luogo che a volte sa essere molto terapeutico!
Bentornata allora, un abbraccio forte!
Dony

Francesca ha detto...

Ciao cara Rita e' sempre piacevole leggerti e rimango incantata dal tuo modo di esprimerti...
Per quanto riguarda l'ottimismo ne ho tantissimo specialmente ora che sono in età matura:)

Ti abbraccio e buona serata!

Lorenzo ha detto...

Io sono fermamente convinto, giusto per rispondere alla domanda che poni, molto interessante,se la parola contiene una utopia, se noi comunichiamo come nell'arte, che ci sia un nesso logico nella comunicazione fra oggetto e parola, fra segno e significato. Sono convinto che ci sia un uso buono della parola e un uso cattivo, come disse Platone nella Repubblica " è vergognoso tacere quando parla la menzogna".
Per menzogna possiamo anche intendere una mancanza di nesso logico fra parola e oggetto.
Tutte le forme comunicative, quindi anche l'arte,conducono i partecipanti al dialogo a una riflessione. Ecco quindi l'efficacia della comunicazione se il fine, come tutti in effetti intendiamo, è lo scambio di saperi.
Quindi la comunicazione è efficace già in sè. Il solo fatto di aver lasciato un segno, che può essere anche una parola, è sinonimo di comunicabilità quindi di allargamento di vedute.
Se sono ottimista e fino a che punto? Io voglio pensare di non aver confini nell'ottimismo, lo sono per natura in quanto vedo sempre il bicchiere mezzo pieno.
Nella vita tutto è possibile, l'importante è rispettare le regole.
Ciao

Lorenzo

Raffaele ha detto...

Ciao Carissima Rita :D
cosa sarebbero gli Dei se non ci fosse in ogni tempo, in ogni luogo un grandioso mortale immortale essere che decanta la loro gloria? Niente e forse meno di niente.... L'albero si riconosce dai suoi frutti e il frutti si ri-generano sempre quell'antica divina immortale semenza che fu impiantata nell'albero della vita che passa e ripassa tantissime volte per sante gloriose morte......

Gabe ha detto...

Rita carissima,bentornata i tuoi post sono molto coinvolgenti...potenza della comunicazione.
Io sono ottimista,anche nelle situazioni più difficili,di ogni cosa,anche la meno gradevole,cerco il lato positivo.
Un grande bacio e l'augurio di pace e serenità

^_^ M@ddy ^_^ ha detto...

Ciao cara,
io ottimista lo sono diventata...un tempo ero piuttosto chiusa, persino INFASTIDITA da chi era sempre allegro, sereno, ben disposto verso il mondo...finchè ho capito che il problema era dentro me, l'ho elaborato (non dall'oggi al domani, ovviamente ^_^ ), ed oggi posso gioiosamente affermare d'essere la persona che in realtà avevo sempre desiderato essere...

Un bacio!

M@ddy

Ambra ha detto...

Un post denso di pensieri e di concetti, mirabilmente espressi. Splendida e articolata questa rievocazione di Tonino Guerra.

Pupottina ha detto...

la frase l'ho estratta da Madame Bovary. sì, sembra in linea con il tuo blog, ma avevo bisogno di una frase importante per la mia bella piantina. in realtà il mio pollice verde sembra abbia cambiato colore. non è rimasto molto dopo l'inverno, né in casa né fuori. :-(
dovrò ricominciare tutto daccapo ed acquistare nuove piante.
un abbraccio

Vele Ivy ha detto...

Tutto quello che posso immaginare in qualche modo è vero, perché l'ho creato con la mia mente.

Sandra M. ha detto...

Sempre interessante leggere i tuoi ragionamenti e tutti i commenti che ne seguono...io imparo tanto. Mancherà parecchio Tonino Guerra ...se n'è andato anche lui ma non la sua "voce" , non le sue parole.
Io sono fondamentalmente una persona ottimista, nonostante sbatta la faccia... ogni tanto.

Rosa ha detto...

ciao Rita, bellissimo post, traboccante di ottimismo e di positivita', questo che hai dedicato a Tonino Guerra, il fatto che sia morto, certo dispiace, ma le sue parole rimarranno sempre a nostra disposizione, il suo spirito aleggia,dandoci speranza per il futuro... secondo me volere e' potere, ma bisogna considerare anche altre cose che ci limitano e non possiamo tenere sotto controllo, sono cque ottimista, nonostante le batoste che mi son presa nel mio cammino di vita, le regole le rispetto sempre al contrario di altri che le cambiano a loro piacimento, senza farsi molti scrupoli,predicano bene , ma razzolano male, ciao baci rosa a presto buona giornata.))

Guard. del Faro ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Guard. del Faro ha detto...

Ad essere sincero, non condivido in pieno l’immagine che i media hanno fornito di Tonino Guerra, quella dell’ottimista a oltranza. Si trattava, a mio modesto avviso, più di una trovata pubblicitaria che di un “atto di fede” vero e prorio, anche se Tonino aveva i suoi motivi per essere contento, visto che la sua vita fu coronata da un successo professionale dietro l’altro.
In verità, il suo modo di poetare non mi ha mai entusiasmato molto, anche se la sua formulazione dei concetti era piuttosto orginale.
C'è un pensiero che condivido in pieno "Io sono tanto affezionato alla parola, perché io sono un poeta. Le immagini che sono dentro la parola sono infinite”.
Su questo, Guerra, che non era certo un incolto, aveva perfettamente ragione.
Personalmente, non potrei definirmi un ottimista, visto che le alterne vicende della vita mi hanno insegnato a non fidarmi troppo degli eventi. Diciamo che sono più portato a un certo scetticismo, ovvero ad una visione realistica del mondo e, purtroppo, la realtà è statisticamente più spiacevole che piacevole.
Naturalmente, vi sono le eccezioni e Tonino Guerra ne è un esempio. Egli era laico e materialista, dunque non aveva un approccio religioso con la realtà, ma fece di tutto per rintracciarvi solamente il bello, ciò che vi era di buono.
S’incantava di fronte ad una donna, ad un fiore, a un paesaggio e rimaneva stupito della stessa esistenza, che considerava un’occasione irripetibile.
A volte, quando ripenso alla sua "filosofia" mi viene in mente Nazim Hikmet e i versi che egli scrisse e che contengono la chiave per un corretto approccio con la vita:
….
Senti in fondo al tuo cuore
il dolore del ramo che secca,
della stella che si spegne,
della bestia ferita,
ma prima di tutto
il dolore dell'uomo.
Godi di tutti i beni terrestri,
del sole,
della pioggia
e della neve,
dell'inverno e dell'estate,
del buio e della luce..
….

Pupottina ha detto...

ciao Rita
buon weekend

max ha detto...

Gli artisti come Tonino non spariscono...rimangono con le loro opere!

vickyart ha detto...

ottimista?.. dipende :) sono ottimista quando so che devo andare avanti, cadere nei problemi, nei pensieri, non aiuta di certo, per cui si, sono abbastanza ottimista..
tutto è possibile! mai dire mai questo è il mio pensiero! e rileggendo quello che ho scritto mi viene da confermare il mio ottimismo :D sono ripetitiva a quanto pare!.. meno male va! la vita è piena di cose belle e brutte prendiamocela con un po' di filosofia :) ciao carissima un abbraccio!

Poeslandia ha detto...

Ormai hanno detto tutto .... aggiungo che pensare positivo e sempre una bella cosa! .. va come va, la vita e preziosa in ogni caso!
ti lascio un caldo abbraccio, un dolce risveglio di buon domenica della palma a te e famiglia! Lisa

Elio ha detto...

Tu e Nigel avete l'arte della parola e passo sempre volentieri a leggere entrambi. Di Tonino Guerra ricordo anche una corta trasmissione televisiva che non perdevo mai dove lanciava le sue frasi per chi volesse capirle. Buona domenica.

Felinità ha detto...

Tonino Guerra era una forza della vita e queste persone ci insegnano a vivere al meglio e semplicemente la vita. Io sono una gatta sorridente con un fondo cupo, ma so che credendo ottimisticamente le cose cambiano nonostante ogni accidente possibile. L anostra mente e volontà può tutto. Miao

Tulimami ha detto...

Bella riflessione, Rita. Io mi definirei un'ottimista relativa. Relativa perchè anch'io mi abbatto, mi rattristo, m'imbufalisco, mi spavento. Ottimista perchè cerco sempre di reagire allo sconforto, alla rabbia, alla delusione, alla paura e perchè penso che in qualche modo una strada si trova sempre. Anna

Mirta - Luce nel cuore ha detto...

Ciao Rita!
Sono venuta di corsa, perché ho poco tempo e non riesco a venire a trovarti tutte le volte che vorrei.

Gesù è morto per noi ed il giorno di Pasqua è risorto per dare speranza, amore e pace. Questo è l'augurio che vorrei dare a tutti! ricordiamo le sofferenze di Gesù e viviamo tutti uniti, per dare speranza a chi ne ha bisogno, amore, serenità e tanta pace. Auguri di Buona settimana santa e una santa Pasqua!