mercoledì 5 ottobre 2011

Fabio Volo - Un posto nel mondo

"Francesca è la donna che amo. E' un arcipelago. Un insieme di meravigliose isole che io, navigando nelle loro acque, visito in tutte le loro delicate forme. Di lei conosco ogni piccola sfumatura, ogni minuscolo dettaglio. Conosco i suoi silenzi, la sua gioia. I suoi mille profumi, l'ombra dei suoi baci, la carezza del suo sguardo. Amo la rotondità della sua calligrafia. La luminosità delle sue spalle nude e il suo collo a cui ho sussurrato i miei più intimi segreti. Sono incantato dalla capacità che hanno le sue mani di creare attimi di eternità dentro di me. Adoro i territori dove mi conduce quando mi abbraccia. Territori che conosco pur non essendoci mai stato. E nonostante tutta questa conoscenza riesco ancora a emozionarmi e a regalarmi istanti di stupore."


"La nostra relazione si basa sulle nostre individualità e ci aiutiamo a vicenda affinché l'altro sia sempre più libero. Ci aiutiamo a vicenda a realizzare i nostri progetti. Condividiamo le nostre vite donandoci le reciproche libertà."


"Siamo andati in camera, l'ho spogliata e l'ho messa a letto. Le ho chiesto di chiudere gli occhi e ho appoggiato lo sguardo su di lei. L'ho accarezzata lentamente, dalla testa ai piedi, senza mai toccarla. Rimanevo distante solamente qualche centimetro in modo che lei sentisse il calore della mano, ma non il tatto. Prima la testa, poi il viso, la fronte, le sopracciglia, gli occhi, il naso, le labbra, il mento. Senza toccarla, il mio viaggio è continuato sul collo, le spalle, i seni, il ventre, le gambe, i piedi. Sentivo che avvertiva il mio calore. Poi ho iniziato a carezzarla. Passavo la mano sul suo corpo come un mercante esperto fa con un tessuto pregiato. 
Ho iniziato a baciarla. Appoggiavo le labbra ripercorrendo il cammino già tracciato. Volevo che tutto il lei fosse attesa. Festa. Evento."

(Fabio Volo, da Un posto nel mondo) 



   Fabio Volo, all’anagrafe Fabio Bonetti, è un persona poliedrica. Alla soglia dei quarant’anni nella sua vita si è dedicato ai lavori più vari, cominciando dal fare il panettiere. Lanciato dal talent-scout Claudio Cecchetto si è imposto nel mondo dello spettacolo dapprima come DeeJay,  per poi passare alla tv nel ’98 con “Le iene”, dove emerse per simpatia e verve, fino a diventare attore, doppiatore, sceneggiatore ed anche scrittore di successo ormai da circa una decina d’anni.
   Non è un autore che mi abbia mai entusiasmato, lo considero la versione maschile della Tamaro, nel senso che scrive facendo leva appositamente sui sentimenti, sulle paure e sulle emozioni di ognuno, esprimendo con levità assoluta delle profonde verità. Pur essendo i suoi libri assolutamente lontani dall’arte narrativa ed avendo poche pretese di essere dei capolavori letterari, hanno enorme successo non solo per la notorietà del personaggio televisivo, ma proprio perché è appunto facile ritrovare argomenti degni di particolare importanza, concetti essenziali sulla vita, la morte, l’amicizia e l’amore, le grandi realtà come le piccole cose d’ogni giorno, in un contesto leggero e scorrevole, di facile lettura e poco impegnativo. Temi di grande profondità in un contesto d'evasione; una elevatezza d'animo in storie poco originali;  uno stile diretto, colloquiale, giovane e a tratti poetico, tuttavia non incisivo.




" Tu fai vedere al tuo sogno che veramente ci tieni a incontrarlo, senza pretendere che lui faccia tutta la strada da solo per arrivare fino a te, poi le cose accadono.  I sogni hanno bisogno di sapere che siamo coraggiosi."







   Dei vari suoi libri che ho letto, quello che mi ha colpito un po' di più è stato Un posto nel mondo, una specie di viaggio esistenziale alla fantomatica ricerca della felicità. 
L'esperienza di Michele, il protagonista di questo libro, è quella di chi arriva a comprendere che la vita va vissuta senza adagiarsi, ma guardando il mondo con gli occhi aperti.
Cercare qualcosa di diverso dal semplice accontentarsi, soprattutto cercare se stessi anche se ciò può costringere a rinunciare ad alcune sicurezze.  Inseguire i propri sogni, realizzare le proprie aspirazioni,  essere coraggiosi, prendere in mano la propria vita, sceglierla e non fare che sia lei a scegliere. Interrogarsi sempre su cosa si vuole veramente e perché.

   Anch'io considero valore l'amore che mai si abitua a se stesso e che sempre è ricerca e stupore, incontro atteso e festoso, cammino fatto insieme nella libertà e nella conoscenza. Amore che è crescita ed attenzione, progettualità e sensualità.
Credo inoltre che l'amore non sia l'esenzione dal sentimento della solitudine, né vada vissuto nell'ottica del  cercare un’altra metà che vada quasi a ricolmare dei vuoti, bensì sempre cercare se stessi, perché non c'è niente di più bello che condividere con un'altra persona la propria essenza, la proria vita.

   E così, sempre armati di lanterna, andare alla ricerca del proprio posto nel mondo, senza paura del di più o di lanciarsi
avendo il coraggio di buttarsi ... per cadere verso l'alto!


" La felicità non è fare tutto ciò che si vuole, 
ma è volere tutto ciò che si fa. "


Io definirei allora la vita come un cammino verso la consapevolezza.

Quanto la ritieni essenziale come ingrediente della felicità?



38 commenti:

Lisa ha detto...

Non è uno dei miei preferiti, forse proprio per il suo cavalcare l'onda. Però oggi ho una giornata romantica, e qualcosa nelle sue righe mi ha toccata. L'attesa. Il coraggio del sogno. Per quanto la vita non sia un film, abbiamo bisogno di pensarlo ancora, di cadere tra i puntini di sospensione, per sentirci vivi.

Tomaso ha detto...

Cara Rita, quanto mi piacciono simili racconto come quello di Fabio, leggendo piano piano mi è entrato nel mio pensiero che la vita da sempre ciò che si desidera, naturalmente non può dare ciò che non esiste delle tue possibilità.
Molto bello e interessante tutto questo.
Buona serata cara amica.
Tomaso

Strega Bugiarda ha detto...

Rita, la tua bravura, la tua sensibilità nele scelte, il trovare con naturalezza quello che fra le righe tocca le corde della nostra interiorità, da a Fabio volo una valenza dovuta alla tua attenzione.
Giuste e condivido le tue parole, l'amore è consapevolezza di se, e solo così lo puoi avere e vedere negli altri.
Cara, sei bella brava, sensibile, professionale nelle tue recenzioni, che dirti se non buona fortuna di vita e per la vita.
Un sorriso la stghetta ammirata

Gianna ha detto...

Adoro e condivido gli scritti di Volo.
Grazie Rita di questo post.

Legolas ha detto...

Cara Rita, permettimi di potere condividere il mio apprezzamente per quanto si riesca a dare sentimento e per chi riesce a comunicarne...La frase che posta alla fine del tuo post mi ha emozionato tanto:" La felicità non è fare tutto ciò che si vuole,
ma è volere tutto ciò che si fa. "
Beato chi riuscirà ad essere felice in tal maniera.
Lunga vita e prosperità

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Rita carissima, la vita è un cammino lungo e faticoso...ci sono salite, discese e dirupi ma con forza, grinta, tenacia e tanta tanta pazienza riusciremo a raggiungere i nostri traguardi tanto sognati
Un abbraccio serale

Joe Black ha detto...

Ciao Rita, permettimi ancora un grazie di cuore per la tua presentazione su di me ed un abbraccione affettuosissimo per le parole che estrapoli e scrivi nelle tue recensioni, come in questa di Fabio Volo dove hai saputo cogliere l'essenzialità del suo essere. A parte il fatto che il mio primo complimento (fine a se stesso) va all'uomo, bello, delle serie il genere che mi piace :))))))
Non è sicuramente difficile perdersi in quei suoi occhi così profondi e carismatici...ma questa è un'altra storia!
La felicità, Rita, nel cammino della nostra esistenza è fondamentale, anche quella che provi per un gesto inaspettato, quel piccolo attimo che può farti chiudere in serenità una giornataccia. Se si è felici con se stessi è più facile sopportare dolori, sconfitte, solitudine e per esserlo bisogna amarsi. Sì, bisogna amarsi e non attendere che qualcuno ci ami, ma donare a noi stessi, apprezzare noi per primi il significato di questo sentimento, senza forma di parassitismo. Anche i nostri "pianti" nascosti ad altri sguardi ci liberano, ci allegeriscono d'un peso, e come dopo una pioggia la luce forma l'arcobaleno, dopo un pianto liberatorio il nostro io proverà un attimo di leggera serenità. Anche quella è felicità. Amare ed amarsi. Ma se non ami te stesso e non sei felice di amarti, come puoi far sì che un'altro/a provi passione, piacere e felictà anche in una sola carezza? E la vita, almeno per coloro che la strada è fatta più che mai di salite, dev'esser vissuta con l'interiore certezza che nessuno potrà mai privarli dell'amore per se stessi. E tutto ciò è già felicità!
Un abbraccio Rita e scusami se mi sono così dilungata nel tuo boxino!
Complimenti alla tua professionalità!
Elisena

Soffio ha detto...

Brava Rita, sempre assai stimolante, un torrente che vien giù dalla montagna.
La vita, o meglio la nostra parte profonda spinge verso l'individuazione, ma...se ci riusciremo lo sapremo solo alla fine.

Galadriel ha detto...

Buona sera Rita! Penso che la consapevolezza sia l'ingrediente principale, nella felicità. Solo la consapevolezza ti da la serenità, anticamera della felicità. Ma è solo un mio parere. Grazie Rita per le visite che ci fai. Buona serata.

Gabe ha detto...

rimango sempre incantata dalla tua grande capacità di leggere tra le righe ed estrapolare.Non conosco i libri di Volo,non è il genere che mi incuriosisce,ma dopo la tua presentazione,sarei quasi tentata.Un abbraccio

dandelion67 ha detto...

" E così, sempre armati di lanterna, andare alla ricerca del proprio posto nel mondo, senza paura del di più o di lanciarsi
avendo il coraggio di buttarsi ... per cadere verso l'alto!"


queste Tue parole Rita incontrano il mio pensiero..il libro di cui hai riportato il passaggio accende riflessioni mai pensate in me...il rapporto che quest'uomo ha con la sua compagna è ricco di scoperta, ricerca, amorevole incontro...bellissimo..
grazie Amica Cara...mi hai fatto sognare e riflettere..serene ore..
dandelìon

Teo Dor ha detto...

Stare qui da te e un paradiso!
Grazie Rita!

☺ Farfallalegger@ ha detto...

Non amo particolarmente Volo come Tamaro...ahimè confesso...Abbraccio

Rosa ha detto...

ciao Rita i tuoi post sono affascinanti riesci sempre a catturarci con le tue recensioni presentazioni di personaggi, tutto sempre molto interessante ed istruttivo, complimenti, ci fai riflettere...fabio volo e' un personaggio, secondo me, che preso con le pinze puo' essere di piacevole lettura ci dice quello che vogliamo sentire tante volte, perche' alla fine i problemi sono sempre quelli, anche per me gioca un po' sui sentimenti, le situazioni e le emozioni, gli stralci che hai riportato sono molto teneri e allo stesso tempo sensuali, sembra tutto troppo bello per essere vero o forse siamo sfortunati solamente noi:)
la vita deve essere vissuta con consapevolezza sono daccordo con te, fare quello che si vuole non e' possibile, siamo troppo vincolati da sistemi e scelte che abbiamo fatto a priori, spesso sbagliate, volere tutto quello che si fa e'una bella sfida con noi stessi, dovremmo pensare da persone mature, senza farci condizionare da emozioni improvvise e fatue, falsi miti, avere una lungimiranza di obbiettivi,l'amore non e' colmare i vuoti, giustissimo, se fosse questo ci basterebbe un gatto, che non rompe e non parla, ma e' il piacere di condividere la vita con qualcuno che diventa parte di noi, la cui assenza ci penalizza, senza diventare dipendenza, cercarsi per il piacere di stare insieme, reinventarsi ogni giorno e non dare scontato niente, la nostra felicita' sara' la domostrazione lampante che siamo sulla strada giusta.) ciao grazie baci rosa buona giornata e buon week end.)

lory ha detto...

ciao Rita, non ho mai letto nulla di Fabio Volo, così a sensazione non mi attira molto , anche se le frasi che hai estrapolato parlano di sensualità e amore, argomenti che spopolano sempre...per me la felicità è cogliere l'attimo e goderne appieno,in quel momento senza pensare al prima e al dopo e godere soprattutto delle piccole cose, delle piccole attenzioni, dei gesti quotidiani che ci riempiono la vita. un abbraccio e buona giornata lory

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Alcuni scritti di Fabio Volo sono eccellenti. Saluti a presto.

Anonimo ha detto...

Ciao Rita,
è sempre un piacere pker me visitare il tuo blog!
Ciao e buon pomeriggio:)
Fabrizio

Pupottina ha detto...

se non si è consapevoli, la felicità è come non averla.... se ne sei veramente consapevole hai anche il privilegio di assaporarla davvero altrimenti sei sempre impagnata a rincorrerla e ti sembra di non averla mai, mentre invece l'hai già trovata... spero di essertmi fatta capire, perché mi sono lanciata in un pensiero complesso... eheheh e avrei bisogno di uno spuntino per far lavorare al meglio le mie celluline grigie... oggi a pranzo mi sono limitata ed ecco i risultati... non ci vedo dalla fame, ma di una merendina me ne faccio ben poco O_O che fame!!
Di fabio volo ho qualcosa in casa che non ho mai iniziato seriamente a leggere... non quello che hai citato tu, qualcuno un po' più datato che non trovo mai il tempo o lo slancio di iniziare perché come hai detto tu si pensa sempre che sia troppo sentimentale o peggio ... di lui ho letto un raccontino che veniva dato con un giornale non ricordo nemmeno come si intitolava, ma mi ero ripromessa di farc i un post... la storia era breve ma carina
le citazioni che hai scelto tu mi sono piaciute molto... a loro modo sono molto profonde e rendono l'idea del suo modo di vivere un rapporto amoroso

Sandra M. ha detto...

Trovo calzante il parallelo Tamaro/Volo!

giulia pignatelli ha detto...

Bello il tuo blog e come scrivi, tornerò a trovarti ;)

Elio ha detto...

Non conosco questo autore e da un po' di tempo leggo solo in francese per perfezionarmi in questa lingua non molto facile. Dal campione che hai pubblicato penso che tu abbia ragione nel parogonarlo alla Tamaro, ma oggi i giovani cercano proprio questo tipo di romanzi e non cose impegnate. Ho letto recentemente un libro della Nothomb che sta facendo un furore in Francia e non mi è piaciuto per niente.
Ciao ed un arrivederci a presto.

zicin ha detto...

Cara Rita, la tua recensione è molto puntuale ed obiettiva... complimenti.
Condivido il tuo punto di vista.
Un bacio ed un sorriso

Rita Baccaro ha detto...

Carissimi amici ed amiche, finalmente riesco a trovare un po' di calma per rispondere a tutti i vostri meravigliosi commenti. Inizio rivolgendo il mio grazie a tutti voi per la condivisione, l'attenzione e l'affetto che mi donate. In questo come in altri post le vostre risposte mi emozionano e arricchiscono la mia personale riflessione allargandone portata e profondità. Mi è sembrato come se stessimo tutti insieme, magari seduti intorno ad un tavolo a parlare della vita e delle nostre esperienze, in un confronto sincero e vero, dove ognuno ha portato la sua esperienza e le sensazioni procurate dalla lettura delle citazioni o dalle mie parole, ognuno ha portato il suo contributo, la sua sfumatura, la sua personalità. Voglio sottolineare che i brani scelti sono, a volte, solo un punto di partenza per approfondire realtà o sentimenti, conoscenze di se stessi e degli altri, cosa a cui io da sempre tengo e stimolo.
Il nome di questo blog è e-citazioni.. ossia citazioni e.... dove la congiunzione, l'incontro, la condivisione sono valori.
Possono piacere o meno gli autori, ma quello che si genera a partire da essi è ricchezza grazie al contributo di ognuno di voi. Il confronto su questo blog piano piano sta crescendo e diventa sempre più coinvolgente e proficuo. Sono contenta che molti riescano ad aprirsi con fiducia, rendendomi partecipe dei personali pensieri.. e donandoli anche a tutti
grazie davvero!

Rita Baccaro ha detto...

@Lisa – La vita non è un film, non siamo attori né comparse, non siamo chiamati a recitare ruoli ma ad essere. Anche il sogno fa parte di noi, forse ne è l’espressione più vera, senza barriere precostituite ci consente di esprimerci liberamente e coraggiosamente. Il sogno dovrebbe continuare anche ad occhi aperti… per sentirci vivi. Ciao cara!!

@ Tomaso – Che bello che sei quando dici che la vita ci dona sempre ciò che si desidera… il tuo ottimismo è anche credere che tutto si realizza e che ciò che abbiamo è in fondo ciò di cui abbiamo bisogno, ciò che abbiamo desiderato pur senza averlo magari espresso… ma certamente nulla ci viene dato se non esiste nelle nostre possibilità, se supera le nostre forze, le nostre capacità.

@Gingi – Grazie per le tue parole ed in particolare per aver assegnato la qualità di professionale alle mie passioni della lettura e scrittura. La consapevolezza come mezzo per vedere l’amore altrui, per saperlo riconoscere… un grazie anche per questa riflessione.

@ Gianna – Grazie a te per la presenza costante ed affettuosa e soprattutto per la condivisione. ^___^

@ Legolas – Sono contenta di condividere con te l’importanza della comunicazione anche nello spazio web dei sentimenti, realtà vitale per ognuno e su cui nessuno può sentirsi non chiamato in questione. E’ certamente difficile volere tutto ciò che si fa… ci vuole più libertà che non nel fare tutto ciò che si vuole..
Hai affiancato al termine felice quello di beato… non è un caso… e mi fa pensare!!
Grazie del tuo contributo!!

Rita Baccaro ha detto...

@ Simo – Condivido il tuo pensiero: per raggiungere dei traguardi ci vuole grinta e tanta pazienza, la capacità di crederci senza arrendersi, sapendo che il cammino può essere pure molto lungo ma portando nel cuore la speranza, nelle braccia e nella gambe la forza e l’impegno, nella testa il sogno, sulla fronte il sudore. A presto!

@ Elisena – questo blog è anche casa tua, puoi scrivere quanto vuoi e non devi scusarti di nulla. E poi è così piacevole leggerti che il tuo commento non mi è sembrato per niente lungo.
Ma come siamo in sintonia io e te!!!! Fra donne mi sembra giusto esprimere per primo il complimento che hai espresso, un pensiero che non è affatto fine a se stesso. L’aspetto fisico di una persona è il suo biglietto da visita, il primo impatto da cui poi si può anche prescindere, ma non sorvolare a piè pari e poi tra amiche è il primo commento che si fa su un uomo, per quanto possa essere interessante ed intelligente! Quando ho preparato il post non sono riuscita a scegliere altra foto da inserire … secondo te qual è la migliore qualità che apprezzo in Volo?? Indubbiamente.. diciamo che… si lascia guardare!!! :-O
Amare e amarsi. Amare è amarsi. Rispettare chi ci è vicino nel rispetto di se stessi, perché voler bene ad un’altra persona non dovrebbe mai portare ad annullarsi o a fare qualcosa contraria ai propri principi e ai propri sogni.
Molto intense le tue parole, mi sento davvero di poter aggiungere poco, come ho scritto nel mio primo commento, è stato molto profondo questo confronto, grazie per aver ancora una volta portato la tua ricchezza nel mio blog!

Rita Baccaro ha detto...

@ Soffio - Grazie per il paragone al torrente, mi piacerebbe davvero eserlo: con la sua freschezza e la sua forza travolgente, semplice, spontaneo, sonante, con i suoi salti e la voglia di lottare, che sa trovare la sua strada per proseguire senza fermarsi, che sa dove andare e che forse al termine del suo percorso scoprirà il senso della sua esistenza, della voglia di viaggiare ed arrivare.

@ Galadriel – e’ il tuo parere ed è quello a cui tenevo, è giusto che ognuno porti se stesso e le sue sensazioni, le esperienze che come mattoncini costruiscono la propria vita e quindi non sono mai poca cosa. Bellissima la progressione verso la felicità che tu hai maturato: consapevolezza, serenità, felicità!! Un abbraccio!

@ Gabe – Grazie, le capacità si generano dalle passioni, su questo sono veramente convinta. Inoltre sono del parere che si debba leggere un po’ tutto, anche ciò che non rientra nel nostro genere preferito, proprio per affinare uno spirito critico ed … estrapolare. Naturalmente lo si può fare quando si ha tanto tempo a disposizione, infatti io fino a qualche tempo fa ero una divoratrice di libri di ogni tipo, ora il tempo e il suo assillo mi tolgono il fiato.

Rita Baccaro ha detto...

@ Dandelion – Che bello realizzare incontri!! Se ci stiamo riuscendo, cara Dandelion, sono davvero felice. Questo spazio virtuale ha questa grande potenzialità e possibilità, anche tale realtà a volte è un sogno e fa riflettere.

@ Teo – Grazie, quando vuoi venire sei sempre il benvenuto.. mi fa piacere sapere che la mia compagnia ti porti serenità, gioia, felicità … dai, diciamo “quasi” come il paradiso!! :-DD

@ Annamaria Farfallaleggera – Ego te absolvo!! ^___^

@ Rosa- ti ho catturato eh? Sei mia prigioniera allora ihihihi!! Infatti, come dicevo, anche secondo me Volo fa troppo leva su certe situazioni o sentimentalismi, tuttavia leggendo tra le righe siamo tutti insieme, riusciti a cogliere dei messaggi essenziali per la vita d’ognuno, ad elaborarne significati e riflessioni. Sebbene i problemi siano sempre quelli meditare e maturare convinzioni è importante per non lasciare che tutto ci sfiori ma sempre attraversi in profondità e poi è bello conoscersi e confrontarsi. Tutto sembra tutto uguale,ma poi quando ti capita nella vita non lo è mai, c’è sempre da stupirsi e tu puoi confermarmelo e poi è grandioso donare ad altri la propria esperienza, condividere i propri pensieri
Io ti ringrazio perché sempre accogli i miei stimoli, i miei interrogativi. Sei sempre riflessiva e originale, puntuale, presente, concreta e vera!! Ti abbraccio carissima!!

Joe Black ha detto...

Secondo te qual è la migliore qualità che apprezzo in Volo??
Credo sia la sua ricerca nella felicità, intesa nell'amare, nel donarsi, nell'apprezzare un momento irripetibile quale.
"Le ho chiesto di chiudere gli occhi e ho appoggiato lo sguardo su di lei. L'ho accarezzata lentamente, dalla testa ai piedi, senza mai toccarla"..... è pura voglia d'amare l'amore!
T'abbraccio con tutto l'affetto del mondo
Elisena

Rita Baccaro ha detto...

Elisena, tu mi leggi dentro... ma come faiiiii???
Baci grandi!

Ti sono vicina, non mollare!!
E grido e lotto con te:
NO AL PLAGIO!!!

Rita Baccaro ha detto...

@ Lory – Cogli l’attimo!! Quale maggiore consapevolezza e maggiore felicità!! Benvenuta nel mio blog, grazie per la condivisione e la tua sincera apertura. A presto!

@ Cavaliere – Alcuni sì, evvabbbene… ma l’eccellenza è da generosi, ed evidentemente tu lo sei molto!! Salutoni!!

@ Pupottina – ti sei spiegata benissimo, nonostante la fame.. mi chiedo cosa saresti capace di fare a stomaco pieno??!? ^___^ Grande Pupottina!! Grazie, quando arrivi tu porti la simpatia, la freschezza e sempre attenzione ai contenuti, riflessioni mature, condivisione, affetto!
Un mega sorriso per te!!!

@ Sandra – Concisa ma efficace! Abbiamo gli stessi gusti, anche noi siamo in parallelo?? Ciao cara!!

Rita Baccaro ha detto...

@ Giulia – Benvenuta nel mio blog, grazie per il tuo apprezzamento. Ti aspetto presto allora ;-)

@ Elio – Compimenti! Se leggi in francese sei ad un ottimo punto del tuo perfezionamento! Eppure Elio, Volo e la Tamaro non hanno successo soltanto tra il pubblico giovane. Io invece non ho ancora mai letto qualcosa della Nothomb, che faccio seguo il tuo consiglio? Ciao !

@ Zicin – Grazie per i tuoi complimenti, il bacio e soprattutto il sorriso. Ehm… ehm… io non sono tanto sicura di aver fatto una recensione obiettiva… :-)
Super smile for you!!

Galadriel ha detto...

Non frequentavo il tuo blog. e ora capisco cosa mi sono persa. Devo apprezzare la capacità che hai nel fare relazionare le persone! Sei brava, e visto che ti viene così bene prova ad organizzare un incontro nel reale, sarebbe bello! Ciao un abbraccio.

Joe Black ha detto...

E' solo empatia Rita :)))))))
T'abbraccio forte forte
Elisena

meris ha detto...

Urca che brava sei! Verrò a trovarti spesso, scrivi benissimo. Ciao

Il calesse ha detto...

Una lettura appassionate....piena d'amore,di energia, di dolcezza.
Grazie cara , e affascinante leggerti.
Ciao Rita
baci
Luci@

sirio ha detto...

Ciao Rita, piacere di conoscerti!
Grazie per il commento da me.
Leggendo questo post, ho apprezzato molto il tuo modo di scrivere, al di là del personaggio che hai presentato in modo ineccepibile.
Buona serata, ritornerò a trovarti!

Luigi ha detto...

la vita è un viaggio dentro noi stessi...
condivido pienamente le tue riflessioni Rita!!!

lulu' ha detto...

Ciao, adoro leggere ma Fabio Volo mi stona come autore, tutti uguali i suoi libri, finale felice e in più come fà a conoscere tanto bene le donne che solitamente non le stima molto...?! Forse e dico forse non è nemmeno lui che scrive, ne ho comperato uno dei suoi libri, il secondo me lo sono fatte prestare con la speranza fosse migliore, una grande delusione ma ognuno ha i suoi gusti e ti auguro una buona vita e ti mando un bacio........